Vendita

Consigli immobiliari: cosa è e come funziona il "rent to buy"

20 Marzo 2018

Cosa si intende con la formula "rent to buy" ed è davvero un tipo di contratto conveniente per chi vuole comprare e/o vendere casa? E' un tipo di domanda, questa, che utlimamente comincia a diventare sempre più frequente tra i nostri clienti.

La normativa attuale permette una nuova formula denominata in gergo affitto con riscatto: si tratta di uno strumento contrattuale che permette di stipulare un contratto d'affitto che poi si potrà trasformare in una compravendita ma senza che quest'ultima sia un obbligo. Va da sè che occorre, dunque, prestare molta attenzione – soprattutto per l'affittuario – che tale opzione non venga resa dal locatore una via senza uscita!

COME FUNZIONA IL RENT TO BUY

L'acquisto della casa, dunque, è considerata un'opzione legata al fitto. Ma come funziona da un punto di vista economico? Il "rent to buy" si compone di due parti: un contratto di affitto e un preliminare di compravendita eventuale da effettuarsi in un lasso di tempo che va dai 3 ai 5 anni e che la legge tutela fino a 10.
Tuttavia, ciò che i più sottovalutano, è che non tutto il canone di locazione può considerarsi "anticipo" sull'acquisto. Una parte dell'affitto si perde.

Facciamo un esempio per capire meglio: la quota versata mensilmente come fitto è, in genere, superiore rispetto ai prezzi di mercato e si compone di due parti.

Ipotesi su un fitto mensile di 1.000 euro in una zona dove il canone mensile di locazione, per quella stessa tipologia di casa, dovrebbe essere di 700: da questa cifra una parte viene considerata come un normale affitto (in genere 500euro) e, quindi, si perde ed un'altra, invece, va come pagamento di un anticipo dell'acquisto della casa (altre 500 al mese).

COSA VERIFICARE PRIMA DI SCEGLIERE SE LA FORMULA E' CONVENIENTE

Per chi fosse interessato a stipulare tale tipo di contratto "rent to buy" occorre verificare, essenzialmente, due cose: gli "obbligi" presenti nella scrittura e quanto diventa conveniente economicamente, ovvero l' equilibrio tra quanto “affitto” e quanto “anticipo” si va a versare. Naturalmente non si esercita l'opzione d'acquisto si rischia di perdere la quota data considerata acconto. Ma può anche succedere che il venditore a cui interessa perlopiù vendere, sia disposto a considerare tutto il fitto mensile quota di anticipo, a patto che il rogito avvenga entro un lasso di tempo breve.

Condividi:


È stato utile questo consiglio?

Grazie per il tuo feedback


Hai trovato quello che cercavi?

Se hai bisogno di una risposta specifica

Inviaci una richiesta

PER LA PRIMA VOLTA, DECIDI TU.

Attenzione, leggi bene perché potresti essere tra i primi protagonisti della nostra rivoluzione del mercato immobiliare. Da oggi, con Ranieri immobiliare PRIMA VENDI la tua casa e DOPO DECIDI la provvigione, in base alla TUA SODDISFAZIONE. E può essere anche dello 0%.

Ranieri immobiliare significa VENDERE CASA INSIEME. Sul serio.

INCONTRACI

I PROFESSIONISTI RANIERI

Persone che fanno la differenza.

Danilo Mancuso - Consulente Immobiliare Ranieri Immobiliare

Danilo Mancuso

Pier Paolo Ranieri - Consulente Immobiliare Ranieri Immobiliare

Pier Paolo Ranieri

Sara Matarrese - Consulente Immobiliare Ranieri Immobiliare

Sara Matarrese

Scopri gli altri consulenti


Carriera

IL TUO SUCCESSO È ANCHE IL NOSTRO

Pensiamo che le persone siano la risorsa più grande di un'agenzia immobiliare. E dedichiamo tutte le nostre forze al perfezionamento dei nostri agenti affinché possano dare ogni giorno ai nostri clienti qualcosa di unico. Come loro.

Una formazione unica [veramente]

Strumenti incredibili [provali]

Provvigioni mai viste [sul serio]

INIZIA